I cilindri rotanti

Bene bene ! cominciamo da questo articolo a spiegare come i cilindri a semplice o a doppio effetto posso essere ” vestiti ” per svolgere funzioni specifiche e cominciamo dai cilindri ( o attuatori ) rotanti.

Come faccio a trasformare un movimento lineare in un movimento angolare ? in teoria per angoli fino a circa 90° posso utilizzare un cilindro con un fulcro nella parte posteriore che gli permette di muoversi sul perno stesso, e fissare al termine dello stelo una leva che, sollecitata dal movimento dello stelo, vada a compiere un lavoro di rotazione; oppure utilizzo dei cilindri rotanti ( altrimenti che articolo scrivevo io ? ).

Partiamo come sempre da un disegno :

 

      A                                    B

Se pensiamo a un cilindro a doppio effetto e ne visualizzo l’interno, vedrò un pistone, uno stelo e qualche anello in gomma.

Nei cilindri rotanti lo stelo liscio scompare e viene sostituito da una cremagliera che è formata da una sbarra dentata orizzontale e da un pignone anch’esso dentato.

Non scompare il pistone che, anzi, viene posto anche nella parte opposta dello stelo così da formare un insieme a tenuta, in questo modo può essere azionato come un normale cilindro a doppio effetto.

Come funziona ? facile: se io soffio aria da A il blocco interno formato dalla sbarra dentata e dai due pistoni  si sposta verso destra e fa girare il pignone in senso antiorario, all’opposto se soffio aria da B il sistema si sposta verso sinistra e il pignone girerà in senso orario..

Il sistema a cremagliera è forse uno dei più antichi che sono stati inventati per trasformare un moto lineare in un moto angolare.

Per azionare uno di questi cilindri possiamo usare una 5/2 oppure                una 5/3 perché avendo due pistoni identici non avrà il problema della prevalenza.

A seconda della corsa interna io potrò stabilire i gradi di rotazione del mio pignone, solitamente a catalogo dei vari produttori abbiamo rotazioni di 90°, 180°, 270° e 360° ma sono quasi tutte aggiustabili e quasi tutte le aziende le fanno con angoli diversi, in fondo basta calcolare la lunghezza della corsa…

Tutto chiaro vero ???

Ciao e a presto.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *