Pressione relativa e pressione assoluta

Oggi cerco di spiegare ( forse più a me che a voi ) la differenza tra pressione relativa e pressione assoluta e, come sempre quando posso, parto da un’immagine:

Pur essendo un concetto non difficile, questa domanda ( che differenza c’è tra pressione relativa e pressione assoluta ? ) salta fuori meno raramente di quanto si pensi.

In teoria la risposta è molto semplice: la pressione relativa E’ RELATIVA perché è misurata rispetto a una pressione atmosferica che è presente in quel posto e nel momento in cui la si misura, nel senso che quando cambiano le condizioni meteo nel posto in cui la sto misurando, anche la pressione relativa cambia ( colonnello Bernacca aiutami tu ).

La pressione assoluta misura la pressione rispetto alla pressione 0 ossia al vuoto assoluto e questa misura è indipendente dalle situazioni climatiche.

Mi spiego meglio ( spero ):  se misuro la mia altezza coi piedi scalzi avrò la mia altezza reale ( pressione assoluta ), ma se la misuro prima con le ciabatte, poi con le sneakers, poi con gli scarponi da montagna e poi con le scarpe coi tacchi….però, come mi donano…la mia altezza sarà sempre diversa, proprio perché non considero la differenza nella base di partenza.

Quella che noi utilizziamo nella misurazione della pressione nei nostri circuiti pneumatici ( grazie ai manometri ) è sempre una pressione relativa e mai una pressione assoluta. Non è una cosa che mi cambia la vita a meno ché non debba andare a lavorare con pressioni molto vicine a 1 bar per cui dovrò sapere che le variazioni nella pressione dovuti a fattori atmosferici sono nell’ordine dei +/- 30 mbar ( 0.03 bar, per il funzionamento delle nostre macchine è ininfluente ) e fino a 100 mbar per ogni 1000 metri di altezza rispetto al livello del mare; cioè se aprite un’azienda che ha macchine che funzionano con aria compressa sulla catena dell’Himalaya a 5.000 metri ( siete seri, lo volete fare davvero ? ) dovrete fare lavorare il vostro compressore un po’ di più.

Però questa cosa diventa importante quando andiamo a calcolare il consumo d’aria nei cilindri pneumatici, ma di questo ne parlerò in un altro articolo.

Spero di essere stato chiaro anche se a me il disegno in alto pareva quasi sufficiente.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *