il pilotaggio pneumatico di una valvola

Ogni tanto sbaglio anch’io, mannaggia li pescetti.

Prima riprendo una veloce descrizione del pilotaggio pneumatico: l’azionamento di una valvola, ossia lo spostarla da una posizione di lavoro a un’altra, può avvenire anche utilizzando un flusso d’aria compressa; in questo caso si parla di azionamento pneumatico; di solito utilizzo questo sistema o installando piccole valvole ( che alle volte sono chiamate pilotini, proprio perché hanno una portata d’aria molto piccola ) azionando le quali invio un flusso d’aria al comando di un’altra valvola, oppure utilizzando direttamente un flusso d’aria.

Capita che le valvole ad azionamento pneumatico necessitino di pressioni di alimentazione e di comando un po’ differenti, mi spiego meglio: ipotizziamo di avere la nostra linea di aria compressa a  6 bar, questa entra nella valvola a quella pressione ma il comando pneumatico della valvola ha bisogno di soli 3 bar. Che succede ( e torno al mio sbaglio )? succede che se faccio entrare aria a 6 bar dove io ho bisogno di soli 3 bar questa può cominciare a trafilare e a uscire da ogni pertugio che trova.

Questo è quello che è successo a un cliente che ha alimentato un pilotaggio a 6 bar mentre questo doveva essere alimentato a 3 bar. In questo caso l’aria usciva da diversi punti. Come fare in questi casi ? basta montare un regolatore di pressione prime dell’ingresso nel pilotaggio della valvola e il problema è risolto.

Come al solito spero di essere stato d’aiuto e alla prossima.

11 pensieri riguardo “il pilotaggio pneumatico di una valvola”

  1. Ciao Davide, sei bravissimo e scrivi in modo comprensibile a tutti, che ti assicuro non è cosa da poco. Ho provato a farti una domanda nella sezione valvole 5/2 ma non so perché non mi pubblica la domanda. La riporto velocemente qui dato che forse è il posto più lecito.
    Io ho delle valvole con pilotaggio pneumatico, almeno all’apparenza. Le comando tramite due pulsanti manuali (pneumatici) che non sono alimentati da nulla, collegati ai poli 12 e 14 della valvola non fanno altro che far uscire l’aria (sarà sotto i 2 bar) che fuoriesce da da 12 (o 14 nel caso) con conseguente movimento della spola interna. Mi domandavo se potessi darmi una mano a capire come si chiama tale pilotaggio. Grazie e buone feste.

    1. Ciao Mario, giusto per essere precisi: l’aria non esce da 12 o da 14, esce da 2 o da 4. 12 e 14 mi indicano solo una posizione della valvola. A parte questo: i tuoi due pulsanti vanno ad agire meccanicamente sullo spostamento della bobina interna alla valvola. Sono valvola pneumatiche a comando manuale.Per quanto riguarda l’acquisto: se non hai problemi di perfetta intercambiabilità una valvola vale l’altra: ti basta sapere la portata ( in generale vale il Ø degli attacchi dell’aria ( 1/8″, 1/4″ sono le più diffuse ) e il tipo di valvola : 5/2 mono o bistabile. Per un’applicazione così ( se ho capito bene ) non ci sono specifiche preferenze. Se hai altre domande ( e se riesco ) ti aiuto volentieri.

      1. Mille grazie per la risposta, sei stato gentilissimo e scusa per l’errore. Però forse non mi sono spiegato bene, le valvole potrebbero essere viste come meccaniche ma non lo sono, perché i pulsanti che fanno muovere la spola li posso mettere anche a 10 metri di distanza. Ho fatto un piccolo schema che ho caricato qui: https://ibb.co/yR6GJvv
        I due pulsanti sono collegati tramite tubo per aria compressa ai due fori per il pilotaggio della spola. Da quei due fori fuoriesce aria (sarà massimo 2 bar) che viene tappata da questi due pulsanti. Appena alimento l’ingresso 1 l’aria fuoriesce come deve essere da 2 e si mettono in collegamento 4 e 5. Ora se premo il pulsante P1 la spola prova a spostarsi verso sinistra e quindi non succede nulla, se premo il pulsante 2 la spola si sposta a destra, in tutto questo i pulsanti non fanno altro che aprire a vuoto la fuoriuscita di 2bar della valvola. Mi chiedevo queste valvole a che modello corrispondessero perché vorrei acquistarle dato che hanno doti che mancano alle altre valvole. Sa ne sai qualcosa te ne sarei grato.

        1. Ciao Mario, hai bisogno di una valvola 5/2 a comando pneumatico. Gli attacchi puoi mantenere quelli che hai ( 1/8″ o 1/4″ immagino ).
          Mantieni lo schema di collegamento; i due pulsanti andranno a pilotare il cambio di funzione, ossia da dove esce l’aria. Per la marca, se non hai bisogno di intercambiabilità nel fissaggio, una vale l’altra.

          1. Ciao Davide ancora Buona vigilia di Natale. Forse ho trovato il modo di spiegarmi. Data questa valvola pneumatica 5/2 (https://ibb.co/LYPwtdY ) se io collego tutte e 5 le vie e metto due dita a tappare la fuoriuscita di aria X e Y, se tolgo anche per un decimo di secondo il dito da Y la spola interna si sposta versa Y, se tolgo il dito da X la spola si sposta verso X. Ora sicuramente sono valvole a pilotaggio pneumatico ma è come se fossero a depressione. Io quelle che trovo in commercio prevedono immissione d’aria in X e Y e non apertura…per questo domandavo a te a che modello di valvole corrispondessero dato che alcune sono vecchie e vorrei sostituirle. Grazie tante di tutto anche se non potrai essermi d’aiuto.

          2. Ciao Mario e scusa per il ritardo nella risposta.
            Le valvole con comando a depressione funzionano esattamente come dici tu: se vado a chiudere uno dei due canali di comando la valvola cambia di fase.
            Il meccanismo è molto semplice e funziona all’opposto di una valvola a comando pneumatico “normale” con in più il vantaggio di non dover creare una linea di alimentazione specifica ; per quanto riguarda il dove comprarle non posso esserti d’aiuto, non conosco aziende che le producano quindi credo che dovrai farti una bella ricerca in rete e sperare di trovare qualcuno che ancora le produce, sorry. L’unica cosa che posso fare è prometterti che ti ricontatterò se troverò qualcuno che ancora le fa.
            Aggiornamento: ho provato a sentire le mie varie fonti: sono prodotti che non fa più nessuno, probabilemente sarebbero troppo cari da produrre. Visto che i costi per una linea di alimentazione per i comandi, al giorno d’oggi, sarebbero molto contenuti è probabile che la loro produzione sia antieconomica. Se ti va di dirmi cosa devi fare con questo impianto, forse posso darti qualche consiglio.

  2. Ciao Davide e grazie ancora per la tua gentilezza. Il lavoro che svolge la valvola non è altro che azionare un dosatore a pistone, però grazie ad essa il sistema è semi automatico perché ho solo due pulsanti di sfiato. Uno basta che lo comando col dito (anche solo un impulso), fa scendere il pistone che arrivato a fine corsa ha posto sotto di esso il pulsante per lo sfiato dell’altro pilotaggio della valvola e quindi risale in automatico. Comunque sai che pensavo, che il sistema di funzionamento interno di queste valvole è simile alle elettrovalvole. Secondo te se da un elettrovalvola smonto i due pistoni pilotati elettricamente e metto due attacchi rapidi a cui collego due pulsanti per farli sfiatare manualmente non ottengo direttamente una valvola a depressione? Tu che ne pensi?

    1. Ciao Mario. L’applicazione non mi è molto chiara, per motivi personali al momento non riesco a risponderti ma vorrei provare a fare una prova io. Ti aggiorno appena possibile.

  3. Carissimo ,Davide,ciao sono Pietro,e ti chiedo riguardo alla elettrovalvola5/2(220v.)se il motivo x cui non cambia stato sia dovuto alla pressione minima richiesta(e’ possibile. 3,2 bar.Saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *